Il massimo della customizzazione per il nuovo Six Senses Rome

Background

Nel 2022 verrà inaugurato il Six Senses Rome.  L’hotel sarà situato nel Palazzo Salviati Cesi Mellini in Piazza di San Marcello, nel cuore della Città Eterna. I punti salienti includono 95 camere e suite distinte, un centro benessere, un ristorante, una terrazza per eventi, un cortile con giardino esterno e una terrazza panoramica con vista a 360° sulla città e sui monumenti.

Obiettivi

La sfida principale richiesta dallo Studio di progettazione Ariatta – incaricato della progettazione degli impianti elettrici, meccanici e speciali in accordo con le restrizioni derivanti dal sito di installazione – è stata quella di superare diversi vincoli derivanti dalla tipologia del sito stesso, dallo spazio di installazione messo a disposizione dalla proprietà in accordo con l’impatto architettonico di dettaglio e di contesto. Siamo nel centro storico di Roma, palazzo vincolato dalla soprintendenza e patrimonio storico e architettonico della Capitale.

Il rumore e le performance sono stati i due primi ostacoli. La richiesta era quella di poter realizzare delle unità che potessero rispettare le limitazioni acustiche del sito pur garantendo un elevatissimo standard di efficienza energetica. Le dimensioni, un altro gradino di elevata difficoltà. Non solo è stato chiesto di realizzare delle unità polivalenti ribassate per via dei vincoli tassativi dello spazio destinato ad area tecnica ma al contempo è stato introdotto un coefficiente di difficoltà ulteriore: il peso. Le unità erano destinate ad essere installate nel punto più lontano raggiungibile dalla gru presente in cantiere per cui era tassativo non eccedere il carico massimo ammissibile altrimenti sarebbe stato impossibile installarle in copertura.

La nostra consulenza

Lo scambio di informazioni continue con i partners coinvolti nel progetto ha permesso di realizzare una installazione che potrebbe definirsi unica nel suo genere. Unità polivalenti, realizzate sulla base di un colore speciale scelto per sposarsi con il contesto in cui le stesse sono installate, ipersilenziate, ad altissimo rendimento energetico e… smontabili.

Le unità sono state realizzate e completate nello stabilimento di Gubbio (PG), sono state collaudate e sono state smontate ognuna in due blocchi separati permettendo poi il tiro in copertura nel rispetto dei carichi ammissibili dalla gru di cantiere. Una volta tirate in copertura, le unità sono state rimontate eseguendo in opera i delicati collegamenti delle connessioni frigorifere (tubazioni del gas) delle linee acqua e delle connessioni elettriche. Un collaudo a pressione è stato nuovamente eseguito in copertura una volta installate le tre unità e in attesa dell’avanzamento del cantiere che terminerà con l’avviamento del sistema.

Il progetto

Il progetto prevede l’installazione di 3 polivalenti multicircuito con compressori scroll, gas refrigerante R410A realizzate in versione ribassata e supersilenziata e in grado di erogare nel minor impegno dimensionale possibile 400 kW frigoriferi e termici ciascuna per un totale di 1,2 MW termici e frigoriferi. La produzione di acqua calda, oltre a servire le batterie delle unità di trattamento aria presenti e il circuito fan coil, viene sfruttata per alimentare 3 booster acqua/acqua per la produzione di acqua calda sanitaria ad alta temperatura realizzati con compressori scroll, gas refrigerante R134a, da circa 140 kW cadauna in grado di coprire un fabbisogno di 420 kW di acqua calda a +65°C ad uso del sistema sanitario.

Risultati

In attesa del completamento delle opere impiantistiche, possiamo ritenere vinte le varie sfide tecniche descritte poiché ogni elemento che ha reso speciale questa realizzazione si è completamente concatenato e ha permesso la corretta posa e installazione dell’intero sistema in accordo con i vincoli tecnici e fisici che ci erano stati imposti nella prima fase di interscambio tecnico dai vari players di cantiere.